Piatto doccia in acrilico, in resina o in ceramica?

piatto doccia

Ecco le caratteristiche dei tre materiali per i vostri piatti doccia a confronto: acrilico, resina e ceramica.

Quando si affronta una ristrutturazione, l’ambiente bagno ci mette di fronte agli argomenti più disparati e a molte decisioni da prendere.
Che sia essa una ristrutturazione parziale o che se ne progetti uno completamente nuovo, per chi non è del settore spesso le scelte possono essere ardue e, proprio per questo motivo, abbiamo deciso di creare degli articoli su misura per voi. Per aiutarvi a poter scegliere in modo più consapevole, secondo le vostre esigenze e i vostri gusti.
Oggi parliamo dell’ambiente doccia, ed in particolar modo del piatto doccia.
In questo caso si tratta di una scelta molto importante che riguarda il tipo di installazione, il colore, il materiale e la texture. Diversi materiali ci danno la possibilità di personalizzare il bagno, al pari dei sanitari, del box doccia e dei mobili d’arredo del bagno. Perché se è importante che il piatto doccia sia bellissimo, abbinato allo stile e ai toni di colore del bagno in generale, deve essere anche pratico da pulire e resistente nel tempo!


Il piatto doccia in acrilico

piatto doccia acrilico

Il piatto doccia in acrilico è, ad oggi, la soluzione più economica che si possa trovare in commercio. Generalmente prodotto in spessori ridotti, risulta molto leggero, circa la metà di quello ceramico. Può essere antiscivolo, grazie a trattamenti superficiali appositi che lo rendono ancora più sicuro. È elastico, si adatta facilmente agli assestamenti delle superfici ed è quindi più semplice da installare.
Gli svantaggi del piatto doccia in acrilico riguardano soprattutto la sua tendenza a macchiarsi o ingiallire se messi a contatto con agenti chimici aggressivi. Quelli offerti da Tuttoidro sono gli Ultra Flat di Ideal Standard garantiti 25 anni. Sono riparabili in quanto realizzati in pasta unica pigmentata in massa e rimangono bianchi e brillanti nel tempo.
 

Il piatto doccia in resina

Piatto doccia resina

Il piatto doccia in resina è un vero e proprio trend del momento, la scelta più gettonata di questo ultimo periodo. La resina in questione è unita a miscele minerali molto particolari che lo rendono un materiale versatile, flessibile, duraturo e di massima qualità.
Questo piatto doccia è sottile, generalmente intorno ai 3cm, viene utilizzato a filo pavimento ed è molto accattivante ed elegante da un punto di vista estetico, avendo la finitura effetto pietra personalizzabile nel colore. Il piatto doccia in resina si può tagliare a misura: se il vostro bagno ha qualche particolare esigenza, questo prodotto è quello che fa per voi. È resistente nel tempo e, nel caso in cui venga superficialmente danneggiato, è riparabile mediante degli appositi kit.


Il piatto doccia in ceramica

La ceramica è il materiale con cui venivano realizzati tutti i piatti doccia fino all’ingresso in commercio di acrilico e resina. I vantaggi di questo materiale sono la resistenza ai graffi e al cambio di colore nel tempo. Può essere pulito con prodotti più aggressivi ma ciò non toglie che si debba prestare attenzione al tipo di solvente utilizzato.
Gli svantaggi della ceramica interessano il peso, in quanto è un materiale più pesante e può risultare più difficile da posare e trasportare, la scivolosità perché la ceramica è un materiale sdrucciolevole, e la freddezza, al tatto la ceramica è più fredda rispetto alla resina e all’acrilico.

Per qualsiasi dubbio, domanda o chiarimento non esitate a contattarci: siamo a vostra completa disposizione. Controllate con anticipo se il prodotto che avete scelto è in pronta consegna, quindi già presente nel magazzino di Tuttoidro, oppure deve essere ordinato. In tal caso consideriamo anche i tempi tecnici di spedizione da parte della ditta.