Stufe a pellet: funzionamento, qualità del pellet e detrazioni fiscali

Stufa pellet

Come funzionano le stufe a pellet? Il pellet è ecologico? E' davvero economico questo sistema di riscaldamento?

Giusto due parole sulle stufe a pellet, dal momento che l'inverno sta terminando ma il riscaldamento è ancora acceso e qualcuno di voi sarà stanco di pagare le salate bollette per la fornitura del gas.
La stufa a pellet è una soluzione economica, innovativa ed ecologica, tanto che in Italia gode di un incentivo specifico per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili con accesso al conto termico 2.0.
Economica perché il costo iniziale è abbastanza contenuto e si ripaga in breve tempo grazie al risparmio sul consumo, ecologica perché utilizza il pellet che si ricava di norma pressando gli scarti di lavorazione del legno, che verrebbero altrimenti buttati via, e senza l’abbattimento di nuovi alberi. La dimensione del pellet è poi tale da offrire il massimo del rendimento rispetto ad altri sistemi di combustione, ad esempio della legna stessa.


Come funziona la stufa a pellet

Diciamo innanzitutto che il consumo e la durata dipendono ovviamente dalla capacità al focolare e dalla capacità del serbatoio del pellet che viene caricato manualmente, perlomeno nelle stufe ad uso domestico. La capacità al focolare determina inoltre per quanti metri cubi è adatta la stufa stessa.
All’interno, una coclea, in pratica una vite senza fine, preleva il pellet e lo trascina nel braciere dove viene bruciato grazie alla presenza di una resistenza elettrica che innesca la fiamma diventando incandescente in fase di avvio.
Una piccola centralina elettronica solitamente consente di impostare la temperatura desiderata e gli orari di accensione e spegnimento. Nei modelli più tecnologici questo è possibile farlo anche a distanza con un comodo telecomando.


Le caratteristiche del pellet

Il pellet deriva dalla lavorazione del legno, si tratta infatti di segatura essiccata e pressata, tenuta insieme a blocchetti da una sostanza naturale chiamata lignina. Non è tossico, è super ecologico ed è anche molto pratico. In commercio ne esistono di tantissime tipologie, dimensioni e origini, per essere certi di acquistare un prodotto di qualità controllate la presenza della certificazione EN PLUS che tiene in considerazione anche la tracciabilità e il ciclo di vita del pellet stesso.
Scegliendo quindi una stufa a pellet non solo fareste una scelta ecologica, riducendo le emissioni di CO2, ma anche pratica rispetto alle tradizionali stufe in legno (il pellet è infatti accatastabile, sacco sopra sacco, in modo molto semplice e sicuramente è più pulito) ed economica rispetto al tradizionale gas/gpl.
Pellet


Rispondiamo alle vostre domande

Il pellet non è trattato chimicamente, non contiene collanti né vernici. Per essere commercializzato deve rispettare standard di qualità e di produzione ben precisi e questi prevedono l'uso di segatura e trucioli vergini.
La presenza di segatura nel sacchetto indica bassa qualità. Questa potrebbe inoltre ostruire i bruciatori. Come già detto, cercate sempre la presenza delle certificazioni.
Il pellet non ha cattivo odore, è lo stesso della legna che brucia.


Manutenzione della stufa a pellet

E' veramente semplice e veloce. Vi basterà svuotare il cassetto della cenere se presente, aspirare giornalmente il piano fuoco e pulire il vetro con un panno umido. Possiamo consigliarvi di consultare un tecnico a frequenza annuale per revisionare l'impianto e pulire la canna fumaria.


Il Conto Termico

Gli incentivi conosciuti come Conto Termico 2.0 offrono un sostegno concreto a chi sostituisce un apparecchio obsoleto a biomassa, gasolio, olio combustibile o carbone, premiando chi installa apparecchi di ultima generazione, che assicurano riduzione delle emissioni in atmosfera e rendimenti maggiori.
E’ un vero e proprio assegno che grazie alle semplificazioni introdotte, viene erogato in un’unica rata fino a € 5.000 (mentre rimane in 2 rate per importi superiori) ed in soli due mesi.
Una delle cose che davvero funzionano nel Belpaese, a dispetto di tante altre che non vanno in porto o con tempi lunghissimi a causa di una burocrazia troppo pesante.
Ci sono alcune semplici regole da rispettare ma il Conto Termico 2.0 può essere richiesto da tutti.
Ogni stufa ha un valore di rimborso preassegnato in funzione della zona climatica di installazione, al quale si aggiunge un rimborso per le spese di montaggio e messa in opera a regola d’arte per una spesa massima incentivabile pari al 65% del totale del costo !!
Per saperne di più contattaci via mail o telefonicamente.


Stufe a Pellet Nordica Extraflame

Tuttoidro ha scelto di proporvi esclusivamente stufe a pellet della Nordica Extraflame, leader nel settore in tutta Italia e non solo. Da circa 20 anni si è specializzata nella produzione di stufe a pellet, una vera e propria rivoluzione per il riscaldamento domestico per praticità, ecologia ed economia.
Il catalogo è talmente ampio e variegato che tutti troveranno la stufa a pellet per la propria casa, non solo in termini di estetica ma anche di prestazione e, ovviamente, prezzo.
Se avete ulteriori richieste non esitate a contattarci, siamo a vostra disposizione.
Stufa pellet 2